Pavel Cicka - pittore naif da Kovačica



30 Ottobre 2013
Autrice: Marta Kanalová,
Fonte: Mgr. Martina Mareková, GMM



Nel museo Gemersko-Malohontská di Rimavská Sobota si è aperta la mostra-mercato del pittore naif da Kovačica, Pavel Cicka. Il suo curatore è una storica dell'arte, Jarmila Čendičová, da Kovačica. Di opere di pittori naif di Kovačica nel museo negli anni ne sono passate molte riscuotendo grande successo. La prima mostra di arte naif da Kovačica si è tenuta nel 1990. L'impegno nel cooperare con la Galleria di Arte Naive di Kovačica, ha potuto dar seguito così a una tradizione nell'organizzare le mostre di arte naif.

L'autore - Pavel Cicka, pittore naif da Kovačica è già alla quinta mostra. E' stata inaugurata solennemente  dal direttore della Galleria d'Arte Naive di Kovačica, Maria Raspir. Pavel Cicka è nato nel 1961 a Kovačica. Il suo talento era già evidente nella scuola elementare, dove illustrava la rivista degli studenti. La sua prima mostra nel 1978 con i giovani pittori di Kovačica e da quel momento ha iniziato a dipingere professionalmente. La sua prima mostra personale è stata nel 1982 a Krusevac. Dal 1986 è membro delle Gallerie d'Arte Naive di Kovačica. Ha partecipato a molte iniziative pittoriche ed ha esposto insieme ad artisti di Kovačica, con mostre personali in patria e all'estero.
Attualmente vive e lavora in Kovačica e le sue opere sono presenti nelle collezioni di musei e gallerie di tutto il mondo.

La sua opera rappresenta la realtà di Kovačica, i campi, i vigneti e le stagioni, oltre a personaggi stravaganti raffigurati al lavoro o nel tempo libero. Le scene più popolari sono sulla riva del fiume, la pesca, l'ambiente autunnale, il lavoro nel campo, i contadini e i musicisti del villaggio. Nei dipinti a olio, Pavel Cicka, si caratterizza per le atmosfere pulite e raffinate.



"Dipingo da 35 anni, anche se effettivamente ho cominciato a dipingere quando ero nella scuola elementare. Quando c'erano dei concorsi, ero sempre tra i primi. Il mio maestro di scuola primaria voleva che andassi a studiare scuola di designer, ma la scuola era situata a 50 km da Kovačica, e così sono andato a scuola di agraria. Non era ciò che desideravo, ma ho continuato a dipingere. Ho iniziato a dipingere seriamente nel 1978, e a dipingere ad olio, "

ha detto Pavel Cicka, che si ispira alla vita quotidiana, all'agricoltura, agli animali.
Egli dice che il pittore può ispirare tutti, ha solo bisogno di avere buoni stimoli.



L'esposizione delle opere rimarrà aperta presso il museo fino al 31 Gennaio 2014 è le opere sono in vendita.

foto: Gecse
Tradotto da Naive Art info se&o

Tratto da

L'Arte Naive di Kovačica in mostra a Trebnje




25/10/2013
Trebnje - Nella Galleria di Arte Naive di Trebnje ieri sera ha aperto la suggestiva mostra di arte naif di Kovacica. Si tratta di più di 50 opere realizzate da 23 artisti di minoranza slovacca di Kovačica in Serbia. La mostra rimarrà aperta fino al 9 Febbraio 2014.

La mostra fa rivivere l'immagine del passato, quando si era legati alla vita quotidiana della terra e la vita ruotava intorno ai lavori agricoli. Non solo la semina e la raccolta, con Martin Jonaš, Martin Paluška, Zuzana Halupova, Jan Knjazovic ed altri portano il pubblico in un viaggio romantico per la festa di nozze, nelle gioie d'inverno e nelle gite in carrozza. Il succedersi della complessità della vita quotidiana si intreccia con l'allegoria nel rappresentare la casa sull'albero e l'enorme zucca.
L'inaugurazione è stato un piacevole incontro di tre nazioni, rappresentate da:

Marian Zahora, dell'Ambasciata slovacca in Slovenia, 
dalla direttrice della Galleria d'Arte Naif di Kovačica, Maria Raspir, 
la rappresentante della contea di Kovačica, Jarmila Ćendić, 
il direttore della CIK di Trebnje, Patricia Pavlič, 
il sindaco di Trebnje, Alojzij Kastelic,
il sindaco di Mirna, Dušan Skerbiš , ha aperto la mostra.

C'erano anche Katarina Tomić, dell'Ambasciata serba in Slovenia, il pittore di Kovačica, Pavel Hajko, il sindaco Anton Maver dalla contea Mokronog-Trebelno, il vicesindaco di Trebnje, Nada Pepelnak e il direttore dell'amministrazione comunale di Trebnje, Janez Pirc.


Come spiegato dalla sig.ra Pavlič, la Galleria d'Arte Naive di Kovačica ha rappresentato 40 anni di lavori in questa mostra, un impegno organizzativo che ha coinvolto la galleria negli ultimi due anni. Alla sua realizzazione c'è stata la collaborazione della: 
- Galleria d'Arte Naive di Trebnje, 
- Galleria d'Arte Naive di Kovačica, 
- Associazione culturale Mihajlo Pupin di Lubiana e l'Ambasciata slovacca in Slovenia.

All'inaugurazione della mostra ha contribuito con un programma musicale eccellente la scuola di musica di Trebnje.





Tratto da 



Le gemme dell'arte naive di Kovacica entusiasma Bratislava




Se si sta parlando di arti visive, molte considerazioni sono incontestabili. Tuttavia, ciò di cui parleremo, sarà confermato da questa mostra, nonostante dell'argomento naif se ne sia parlato più volte. Nel contesto di eccellenza naif, i protagonisti di quest'arte, basano tutto questo sulla loro purezza dell'anima e su una grande umanità combinata con l'ordine naturale e con i modelli di questo mondo, comprese anche le banali regole delle attività umane nella loro varietà di colori, sapori, anacronistiche emozioni, il tutto come se fosse una vera avventura fatta di sensazioni visive e sensuali il più delle volte. E' bene seguire questa saggezza, e per coloro che non credono, non è da lasciar sfuggire ... Dove?
Nella Sala del Ministero della Cultura in Piazza SNP a Bratislava, dove fino al 15 Ottobre 2013 è aperta a una mostra unica dal titolo in slovacco e serbo l'arte naif della collezione della Galleria Babka di Kovačica.

Sono estimatori dei grandi nomi degli artisti naif di Kovačica, e rappresentano la nuova generazione, posseggono i geni dei loro maestri nel loro talento emergente e di certo di base hanno un grande potenziale creativo e umano oltre l'ingegno artistico, come riferimento artistico, Jonáš Martin e Susanna Chalupová, di cui condividono i temi del canto, della danza o del gioco nella comunità degli slovacchi della Vojvodina, ampiamente rappresentato tutto questo nella mostra, per godere appieno dell'atmosfera artistica e delle tradizioni.

Oltre all'eccezionalità di questa esposizione di artisti naif slovacchi da Kovacica, c'è il messaggio storico e informativo estremamente vigoroso dei  quasi 60 mila slovacchi, minoranze nazionali in Serbia. Prova brillante e vivida dell' insediamento degli slovacchi da questa parte delle pianure sono le manifestazioni culturali, sociali ed economiche e le realizzazioni nei loro paesi d'origine della Serbia, in un pannello nell'ingresso della mostra nella Sala del Ministero della Cultura. Un'occasione, nello stesso tempo, per ricordarci entrambi di questa preziosa eredità.

La mostra, tuttavia, che nasce grazie all'attività instancabile del gallerista Pavel  Babka, di Kovacica, e della sua Fondazione Babka di Kovačica in collaborazione con i dipartimenti ministeriali, di Serbia e Slovacchia, e con la finalità di offrire un argomento dal contenuto interessante? Per gli intenditori la mostra naif è straordinaria, con la presentazione di numerose opere e l'esposizione di particolari artisti. La mostra è unica, perché la sua visione è completa, per la prima volta in Slovacchia viene offerto un numero impressionante di 144 opere le cui storie dipinte a colori da 63 pittori naif di tre generazioni, a cominciare dal più vecchio Vladimir Bobos (1906) e il più giovane autore Saňu Stvorcovú (1992).

Pavel Babka, fondatore della galleria, che rappresenta Kovacica INSITU nel mondo, e divulgatore del genio naif, durante la cerimonia di apertura, tra l'altro, ha confessato : "In questa mostra abbiamo portato i quadri che non sono mai stati in Slovacchia e per cui gli slovacchi non sono stati in grado di vedere. Inoltre, non sono state riprodotte immagini. " Inoltre ricorda Pavel Babka, come queste importanti attività sulla pittura naif slovacca hanno un impatto culturale e morale , oltre ad un influsso positivo sulle relazioni culturali della Serbia e Slovacchia, nonché un importante dialogo tra Slovacchia e slovacchi.

Infine Pavel Babka, nel suo discorso ha elogiato, non solo Igor Furdík, Presidente degli slovacchi che vivono all'estero, che ha finanziato il progetto espositivo, così come i rappresentanti di altre istituzioni, il patrocinio e la presenza di propri rappresentanti alla piacevole atmosfera d'inaugurazione, il comparto diplomatico di entrambi i paesi  Serbia e Slovacchia, il Ministero della Cultura e l'Istituto Internazionale d'Arte Bibiana per bambini di Bratislava.

Come P. Babka nel contesto dell'inaugurazione ha ricordato che la Serbia l'anno scorso ha proposto e inserito un'opera di un pittore naif slovacco in Serbia nel registro nazionale del patrimonio culturale della Repubblica. "Pensiamo che quello dei nostri artisti pittori è anche il patrimonio culturale della Slovacchia. Su questa base, vi presentiamo tutti i 63 autori in un unico luogo,  ha aggiunto  P. Babka, che nel 1991 fondò la galleria al fine di aiutare le giovani generazioni di artisti di Kovacica.

Questi giovani pittori naif di Kovacica sono il futuro di questo genere di arte moderna.

Le loro opere sono esposte a Bratislava e sono:





 Eva Hrková (nata nel 1983), ha cominciato a dipingere a 16 anni. Come la maggior parte dei bambini, la natura, gli animali. Oltre ai dipinti ad olio si è dedicata alla grafica, all'acquerello e oggetti. La mostra ha anche esposto le sue esclusive panche decorate.





Un'altra artista da Kovacica, Magdaléna Toman (1990), ha iniziato a dipingere all'età di 14 anni. Ha imparato a dipingere da Zuzana Holubekova. I suoi quadri sono ispirati da temi e fiction e musica gothic metal.







Miroslav Hrasko (1990) da Hajdušica, Serbia, di professione apicultore e dipinge ad olio dal 2011, era presente anche ai primi di ottobre, in occasione dell'apertura del Salone del Ministero della Cultura dove ha presentato la sue opere dal titolo " Accogliendo la primavera".




All'inaugurazione della mostra, che sarà itinerante, è stato presentato un breve documentario sui maestri naif di Kovacica, noti per le loro celebrazione della vita sulla tela.

Il pubblico potrà visitare la mostra fino al 15 Ottobre 2013 tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00 tranne il lunedì.

Tradotto se&o da Naive Art info

FOTO: ĽUDO POMICHAL


Foto della manifestazione
Tratto da

Foto della mostra dal sito 






Maestri tra i maestri



26 settembre 2013

Hlebine e Kovačica hanno poco in comune se non fosse per alcuni particolari.
Hlebine dista da Zagabria 85 km, Kovačica da Belgrado quasi meno della metà, 48 km.
Nella croata "Kovačica" si inizia a dipingere alla maniera naif nel 1930, nella serba "Hlebine" la prima opera ha visto la luce grazie a Paluska e Sokolovi solo sette anni più tardi.

Entrambi i villaggi sono prevalentemente agricoli, in entrambi la coltivazione più frequente è il
 ​​mais. Hlebine ha solo circa 1.400 abitanti, Kovačica circa seimilacinquecento. Il villaggio croato si trova vicino al confine con l'Ungheria, ma anche nei pressi di quello della Slovenia. Nella città serba abitata prevalentemente da discendenti di militari. Grazie all'arte naif sono entrambe famose. Così a Hlebine, così come a Kovacica i primi pittori erano contadini. Pittori chiamati della domenica, perché dipingevano per la maggior parte in questa giornata, giornata in cui avevano più tempo per riposare.
Mentore della pittura naif a Hlebine, l'accademico e pittore Krsto Hegedušić, dove ha vissuto e insegnato.
Mentre gli artisti di Kovačica sono autodidatti, negli anni 50, hanno avuto come mentore, il pittore Stojan Trumića, che ha vissuto e insegnato a Pancevo.
I pittori naif di Hlebine hanno fatto la prima mostra collettiva a Zagabria già nel 1931.
Kovačica solo nel 1952.
Entrambi i paesi hanno ora gallerie naif.
Dopo Generalić (Ivan e Josip), Mraz e Gaži, Hlebine può contare su molti altri seguaci di quest'arte.
Dopo la prima generazione di artisti naif, anche Kovačica può contare su una seconda generazione, rivelatasi anche più giovane.
Entrambi i villaggi hanno un dipinto dei fondatori, dei migliori e dei più creativi pittori della prima generazione nella Enciclopedia Mondiale dell'Arte Naive, e in più pubblicazioni pittoriche.
Gli artisti naif croati più comunemente dipingono su vetro,mentre la pittura serba su tela. Altra differenza importante. Mentre nel Banat la maggioranza che dipingevano erano le donne, in Podravina a dipingere naif erano solo gli uomini.

Un collezionista appassionato di Arte Naive croata, Stjepan Pohižek quindi non poteva portare a Kovacica solo le opere dei seguaci della scuola di Hlebine  (come Mijo Kovačić e Martin Mehkek), ma, come ha scritto Marijan Spoljar piuttosto un panorama dell'arte naif contemporanea dalla Croazia.
Ha portato Franjo Ružmana, pittore, che si colloca tra i più creativi.
Pohižek a Kovacica ha portato 27 opere (cinque dipinti ad olio, altri sono dipinti su vetro), che saranno esposti inizialmente nella Galleria d'Arte Naive.
Il primo di ottobre a Kovacica le opere verranno esposte nelle sale del centro ricreativo Relax.
L'inaugurazione è stata accompagnata dall'esibizione di brani di musica classica del maestro Emil Nemček, più giovane fisarmonicista.
Mária Raspírová, direttore della galleria d'arte di Kovacica, ha accolto i numerosi visitatori, mentre  la mostra è stata inaugurata da Dragan Ðurić, Console Generale della Ambasciata di Croazia in Serbia.
Di questa importante mostra che si tiene nel mese di settembre e ottobre nella galleria d'arte naif è stato realizzato un interessante catalogo.
A Kovacica sono esposte opere di Franjo Ružmana, Martin  Mehkek, Ivan  Andrašić , Martin Koprinčanec , Generalic Milan , Mirko Zovko, Pero Topljak, Ivan  Štefánek, Stjepan Ivanec, Stjepan Paulic, Drago Takac, Franjo Klopotan, Ivo Fišera, Josip  Pintarić Puco e Mijo Kovačić.

Ján Špringeľ

Tratto da

Drago Terzić







E' nato il 30 giugno del 1956 a Pljevlja in Montenegro. Vive e lavora a Opovo. E' laureato in economia. Nel novanta divenne membro della Galleria d'Arte Naive di Kovacica.
Principalmente dipinge con colori ad olio su vetro.   
Innumerevoli volte ha esposte in patria e all'estero, le sue più importanti mostre personali includono: Masters naive al Museo Nazionale del comune, il Museo Nazionale di Pancevo, la mostra allestita presso il Centro Stampa Internazionale a Belgrado, la Galleria di Arte Naive in Kovacica .. . Ha partecipato a più di 150 mostre collettive in patria e all'estero.
Ha partecipato al grande festival internazionale di arte naif:

web ref.:http://dragoterzic.rs/index.html














Importanti lavori di ristrutturazione nella Memorial House di Martin Jonas


Articolo del 26.07.2013

Ai primi di luglio, nel villaggio del più famoso pittore naif di Kovačica, Martin Jonáš, è iniziata la ristrutturazione della sua casa. Dal lunedi al sabato per la terza settimana lavorano in modo affidabile quindici lavoratori serbi di Selenča.
Gli operai serbi tra gli slovacchi si sono trovati bene. I lavori sono stati realizzati nei tempi previsti, il tempo nella prima metà di luglio è stato favorevole per i lavori di sterro e le opere di muratura. Molta collaborazione tra gli operai edili e i lavoratori del comune di Kovačica nel ristrutturare insieme ciò che sarà la galleria d'arte naive.

La parte principale della casa, nonostante alcuni cambiamenti è rimasta invariata. La facciata della casa non cambierà, è stata solamente restaurata. Il controsoffitto viene cambiato con uno in cemento e il tetto sostituito con uno nuovo a tegole, ma rimane dello stesso tipo di tegola, del tipo a coda di castoro. Il luogo per le attività museali sarà in soffitta. Inoltre la nuova scala che porta al tetto sarà realizzata in base al costo", informa Ivan Babka, capo del dipartimento di pianificazione, servizi pubblici e di controllo del comune di Kovačica.

I lavoratori Selenče, Pivnice, Lalita, Silbaš, Vajsky e Bođan lavoreranno anche sull'isolamento, la ceramica, l'installazione, idraulici e altri impianti in questo importante e notevole edificio. La seconda parte della casa viene demolita e ricostruita una nuova. Questa nuova costruzione garantirà la durata della casa.

"Designer e architetto Slavica Miletićová-Brkićová dello studio Art projekt di Kovi ha sviluppato un progetto per l'adeguamento e la ricostruzione, tra l'altro, al fine di preservare l'autenticità delle camere , cucina, studio e tettoie e vigneto, con il buonsenso, senza cattivo gusto, il tutto in un ambiente colorato d'azzurro", prosegue Babka, in qualità di supervisore sulla costruzione della casa e di esperto nella commissione per gli appalti pubblici nella ricostruzione di edifici di pregio.

Nella ricostruzione il supervisore Babka vuole che la sala interna sarà a colori simili e sfumature come la sala principale
originale, dove è stato appeso il più famoso dei dipinti ad olio del maestro Jonáš:
"Martin Jonáš ha usato molto nel suo lavoro il colore arancione, giallo, rosso, e  marrone, sono questi i colori che permeano l'atmosfera del fuoco e producendo nei visitatori quel calore, che indirizza le emozioni. I visitatori nella già citata sala principale, è stato appeso il più famoso dei dipinti, sarà la più accogliente e confortevole. Appena prima di visitare la sala azzurra. L'illuminazione azzurra calma la mente, il colore dell'intonaco è leggero e dato che è una stanza più piccola del resto dei locali dipinti di azzurro l'effetto non sarà una sensazione di freddo. "

L'isolamento termico è stato realizzato ovunque era possibile. Inoltre, finestre e porte in materiale plastico che hanno ottime capacità di isolamento termico, devono essere installate. Definire chiaramente la dissipazione del calore. Il sistema di riscaldamento ricostruito insieme alle parti che dovrebbero essere il pavimento, la manutenzione dei locali, il tutto non dovrebbe essere difficile. Tutto questo si richiama agli standard richiesti dal nostro stato e dall'UE.

"Per la realizzazione del lavoro sono previsti 25 giorni. Per i dintorni di Kovačica e per ottenere un'altra destinazione turistica attraente e per gli slovacchi in Serbia il ricordo dignitoso di uno dei più famosi slovacchi della pianura", ha affermato in conclusione Ivan Babka.

Il ventiduesimo giorno di marzo del 2012, la firma del contratto di acquisto e vendita del Memorial House Martin Jonas a favore del consiglio della minoranza di nazionalità slovacca. I soldi per comprare la casa con immobile e il progetto complessivo concesso dal governo slovacco attraverso l'Ufficio per gli Slovacchi residenti all'estero è stato di 223.707 €.

Nell'estate dello scorso anno è proseguita la seconda parte dell'inventario delle opere e del patrimonio di Martin Jonáš. E poi ha annunciato ai primi di ottobre la creazione NRSNM della Galleria d'arte naif come istituzione di particolare significato per la minoranza slovacca. Il Consiglio è co-fondatore della celebre pinacoteca del villaggio di Kovacica e la Memorial House Martin Jonáš diventa parte della gallerie d'arte naive .

Repubblica slovacca (7,5 mil. Din.), Comune Kovačica (2,5 mil. Din.) E la Segreteria Provinciale del Lavoro, l'occupazione e l'uguaglianza di genere (2 mil. Din.) Prevedono la regolazione e la ricostruzione del Memorial House Martin Jonáš ulteriori dodici milioni di dinari. Il 9 maggio dell'anno prossimo è il 90° anniversario della nascita di Martin Jonáš. I dipinti ad olio più importanti. Un collezione appassionata della pianura della Vojvodina di cimeli e oggetti di valore.

Ján Špringeľ

Tradotto se.&o. da Naive Art info

Tratto da

Jano Zolnaj


è nato a Kovacica il 1° novembre del 1953. Fino al suo pensionamento ha vissuto a Belgrado, attualmente vive e lavora nel centro della città. Nel 2008 è diventato membro della Galleria d'Arte Naive di Kovacica, dove nel 2009 ha avuto una mostra personale di successo.

La Galleria di Arte Naive di 
Kovacica nella sua collezione possiede quattro dipinti di Jan  Žolnaj.

"Dipingo dal 1974. La maggior parte dei motivi comuni nei miei dipinti sono la vita contadina nel villaggio slovacco, ... le tradizioni, i costumi, il folklore, l'architettura dei villaggi. Le idee per i miei dipinti per lo più le attingo da esperienze personali, dai loro ricordi, e dai ricordi degli antenati, la poesia e la fantasia.
Ho esposto le mie opere in gallerie di tutto il paese e all'estero fino ad ora. Ho partecipato a oltre 100 mostre collettive, mentre io solo ho esposto 12 volte,  Bela Crkva, Kovačica, Bački Petrovac, e  Belgrado. Lieto di prendere parte nelle colonie d'arte, dove con i miei colleghidi pittura c'è uno scambio di esperienze"....
.












Inizio Pagina Su Pagina Giù Fondo Pagina Auto Scroll Stop Scroll